Uno dei momenti più attesi per i videogiocatori è l’Electronic Entertainment Expo 2017, e quest’anno non è stato da meno. Peccato che le aspettative fossero più alte di quello che è stato poi l’evento nella realtà, lasciando qui e lì molti dubbi e molte insoddisfazioni.
Le conferenze che ho seguito sono state EA, Microsoft, Bethesda, Ubisoft e, ovviamente, Sony. Nonostante la mia riconoscibile passione verso quest’ultima, sono rimasta scontenta anche io. Spiegarvi il perché non sarà difficile: contenuti zero e poche novità degne di questo titolo. Ma vediamo più in dettaglio.
Proseguiamo con la conferenza Microsoft che si è tenuta domenica 11 giugno alle 22.00 (nostro fuso orario).

 

MICROSOFT E IL SUO NUOVO GIOIELLO

Come tutti ci aspettavamo, è stato prima di tutto presentato il gioiello di casa: la Xbox One X (il famoso progetto Scorpio), alla quale finalmente si legherà una retrocompatibilità con i titoli della sua primissima antenata. Una versione slim della precedente Xbox, ma con un potenziale unico. Peccato che le esclusive per questa macchina così potente non siano così esaltanti come la console.

 

 

 

 

22 ESCLUSIVE, INCLUSE TEMPORANEE

Primo titolo presentato è il nuovo Forza Motorsport 7, rigorosamente in 4k e 60 fps. Effetti climatici super realistici e modellazione poligonale delle auto le due principali caratteristiche del gioco. Uscirà il 3 ottobre 2017 su PC Windows 10, Xbox One e Xbox One X

Guarda il trailer di Forza Motorsport 7

 

Altro titolo dal trailer spettacolare è stato il nuovo Metro Exodus (Qui il trailer).

Microsoft decide di reinvestire sul progetto artistico e sentimentalmente toccante di Ori and the Blind Forest, puntando sul nuovo Ori and the Will of the Wisps (qui il trailer), che ha generato in me reazioni contrastanti, che vanno dal ‘ooooh che tenerezza’ al ‘nuoooo di nuovo?’ sostanzialmente dovuti a quanta poca pazienza abbia nei giochi platform di questo tipo.

 

Altri i titoli presentati, alcuni di essi molto promettenti e interessanti, come Sea of Thieves e State of Decay 2, ma che di certo non evidenziano le reali potenzialità di una macchina nuova di zecca come la Xbox One X.
In più, Sea of Thieves pare ancora parecchio lontano dal gioco ‘completo’: il gameplay pare molto divertente ma nello stesso tempo privo di sostanza effettiva a livello di esperienza. Mentre State of Decay 2, per quanto consolidato a livello di meccaniche, porta dietro di se ancora una grafica orribile, arretrata e poco apprezzabile.

A quanto pare Microsoft non è riuscita a spiegarsi bene; ha mischiato malamente ciò che è divertente a livello ludico e ciò che invece è potente a livello tecnico, nel tentativo di mettere appetito ai possibili acquirenti sottolineando la bellezza grafica di titoli dei quali, invece, si sarebbe apprezzato più il gameplay e le migliorie tecniche.
Un esempio evidente, oltre alle esclusive già citate, è l’enorme spazio che è stato riservato a Minecraft e al suo Super Duper Graphic Pack, sottolineando le migliorie estetiche apportate ad un gioco che invece, alla grafica, non ha mai dato alcuna importanza.

Altro esempio è stato proprio Assassin’s Creed: Origins, del quale è stato fatto vedere un gameplay piuttosto asciutto e discutibile, sia a livello grafico poiché in una versione non completa e quindi ancora da ripulire, sia a livello tecnico, con meccaniche difficili da comprendere se non spiegate o approfondite (forse anche per colpa della stessa Ubisoft, ma questo non è dato saperlo).

Guarda il trailer di Assassin’s Creed: Origins

Devo riconoscere però, che Microsoft si sia ripresa presentando dei nuovi titoli indipendenti, molto interessanti sotto diversi aspetti.

Il primo di questi titoli è The Last Night, platform ad ambientazione cyberpunk; lo segue a ruota The Artful Escape of Francis Vendetti, un’avventura musicale. Titolo molto meno appetitoso è Super Lucky’s Tale, un platform 3d stile super mario 64, un po’ stile Sonic, che lascia perplessi.
Altri ancora promettenti e molto attesi, come Crackdown 3, un mondo completamente ‘distruttibile’, come il tanto aspettato Cuphead, in uscita finalmente il 29 settembre e il seguito di Life is Strange, chiamato Before the Storm composto da 3 episodi che raccontano gli eventi accaduti prima che Max si ritrovi nella tempesta.

Qui la lista delle esclusive temporanee: The Artful Escape of Francis Vendetti; Ashen; Black Desert; The Darwin Project; Deep Rock Galactic; The Last Night; Playerunknown’s battlegrounds, Tacoma.
Qui invece la lista delle esclusive Xbox e Windows 10: Crackdown 3; Cuphead; Forza Motorsport 3; Ori and the will of the wisps; Sea of Thieves; State of Decay 2; Super Lucky’s Tale.

La conferenza si è conclusa con la presentazione di Anthem (vedi articolo EA), il nuovo titolo Bioware che, dopo tutta la conferenza, presenta finalmente un titolo valido a evidenziare le reali potenzialità della nuova console di casa Microsoft, che verrà rilasciata il 7 novembre al ‘modico’ prezzo di 499 dollari.

E3 2017 ID@Xbox Games Montage
Author Clairessa
Published
Categories Notizie Flash
Views 486

Comments

Leave a Reply

No Comments ;(

Powered by themekiller.com